Per garantirti la migliore navigazione possibile questo sito usa cookies.

Volontariato, Giovani e Passione

Negli anni 2013/2014 e 2014/2015 il progetto "Garibaldi" è stato ripresentato migliorato, rifinanziato e quindi riproposto sul territorio, per rispettivamente 17 e 6 giovani, numeri che sono stati influenzati dal finanziamento ottenuto.

Le modalità del progetto non cambiavano per i nuovi volontari, ma sono stati pensati percorsi paralleli di coinvolgimento per gli ex partecipanti che hanno voluto rimanere nel progetto ricoprendo ruoli d'esperienza come supervisione del nuovo gruppo e programmazione delle attività di formazione iniziale e degli incontri periodici di check, co-progettazione delle restituzioni e scrittura condivisa del progetto per il bando dell'anno successivo.

La restituzione ha previsto la realizzazione di un video di resoconto.

immagine profilo bandoVolontariato, Giovani e Passione: Esperienze a spasso sul territorio, questo il nome del primo progetto di Servizio Comunitario Territoriale avviato dal SET di Sommacampagna nell'annualità 2012-2013, vincendo il bando regionale Giovani, Cittadinanza attiva e Volontariato, il cui obiettivo era quello di incoraggiare la partecipazione dei giovani al volontariato locale.

Il primo progetto "Garibaldi", chiamato così nell'uso comune grazie al testimonial di allora Giuseppe Garibaldi, prevedeva il reclutamento di 19 giovani, i quali hanno sperimentato la formula di un sistema di "volontariato retribuito": il servizio prevedeva l'afficancamento dei ragazzi in servizi comunali e associazioni di Sommacampagna, Caselle e Custoza prevedendo un ruolo prettamente di affiancamento, per poter garantire primariamente un'esperienza di conoscenza da parte del volontario della realtà nella quale si trovava a operare e una valutazione da parte dei referenti di progetto del volontario.

Sempre di fondamentale importanza è stata infatti la sinergia bidirezionale nel rapporto tra Ente, partner di progetto (associazione o referente di servizio) e volontario.

Nei primi tre anni di progetto era prevista per i volontari una retribuzione tramite voucher di un contributo economico a fronte di un quantitativo di ore da spendere come volontariato puro: questa formula scelta dalla Regione si è rivelata un potente incentivo per i giovani e per i servizi, permettendo di raggiungere ragazzi e ragazze che sul territorio non avrebbero mai partecipato a progetti di aggregazione senza un contributo economico.

Il miglior risultato di questa nuova politica è stata la registrazione di esperienze molto positive da parte dei ragazzi che hanno partecipato al progetto, alcuni dei quali hanno continuato la propria esperienza come volontari nelle associazioni e servizi dove avevano preso parte, altri invece hanno avviato realtà volontaristiche autonome e altri ancora hanno continuato il percorso progettuale previsto dal SET con i progetti degli anni successivi.

La restituzione del progetto alla cittadinanza è avvenuta grazie a una mostra fotografica, realizzata dal gruppo fotografico dell'Università del Tempo Libero di Sommacampagna promossa dall'Ufficio Cultura del Comune

Se vi siete persi la mostra niente paura, potete vedere le foto cliccando sulla galleria della Mostra "Volontario è".